Silvio Piola

Piola e Boniperti a Vercelli, durante la preparazione dell'incontro Austria - Italia 5-1  disputata a Vienna il 9 /11/1947

Piola e Boniperti a Vercelli, durante la preparazione dell’incontro Austria – Italia 5-1 disputata a Vienna il 9 /11/1947

29 settembre 1913, nasce a Robbio, un piccolo comune della provincia di Pavia situato ai confini con il Piemonte, Silvio Piola, il giocatore che più di ogni altro meglio incarna la figura del centravanti, il classico numero nove.

Fin da giovane mostra una notevole dimestichezza con il pallone tanto da esordire giovanissimo nella Pro Vercelli , durante la stagione 1929-30, il 16 febbraio 1930 contro il Bologna che tremare il mondo fa.  Nella stagione 1930-31, a soli 17 anni, si dimostra già un goleador di grande levatura, segnando 13 gol in 32 partite. E’ l’inizio della leggenda, del mito praticamente inimitabile anche dopo 100 anni di calcio italiano.

Assistito da un fisico notevole, Piola è il prototipo del centravanti moderno che rivoluziona i tempi: ama giocare spalle alla porta e attraverso rapide triangolazioni arriva a tirare in porta con una certa costanza e precisione. La sua è una rapida ascesa. Nel  1934 molte società hanno messo gli occhi su di lui ma alla fine a spuntarla (pare anche grazie all’interessamento di esponenti del fascio romano) è la Lazio che lo strappa alla concorrenza versando alla Pro Vercelli l’astronomica cifra di 250.000 £. E’ l’inizio della sua epopea in biancoceleste , condita da ben tra Campionato e Coppa Nazionale e da a cui dobbiamo aggiungere le 6 presenze e le 10 reti realizzate in Coppa Europa nel 1937. Con la Lazio Piola sfiora l’impresa di vincere lo scudetto nella stagione 1936-37, stravince per ben due volte la classifica dei cannonieri nel 1936-37 e 1942-43, esordisce in nazionale segnando due gol all’Austria nel Marzo del 1935 e soprattutto vince il titolo mondiale nel 1938 a Parigi contro l’Ungheria nella finale vinta (4-2) con due sue reti d’autore.  Piola in quegli anni è l’alfiere della Lazio. Di lui si ricordano grandi duelli con i difensori romanisti nei derby capitolini come quello del 16 marzo 1941 in cui, fasciato alla testa per uno scontro di gioco al 18’ del primo tempo e quindi largamente menomato , segnò due reti ai cugini diventando simbolo di eroismo ed attaccamento ai colori biancocelesti.

Piola nell’estate del  1945 è ceduto alla Juventus . Sembra il canto del cigno del campione ma in realtà è solo l’inizio di una seconda giovinezza che lo porterà a segnare valanghe di gol con le maglie di Juventus e Novara fino al 1954 anno del suo ritiro. Entra direttamente nel mito del calcio con i suoi 290 gol segnati in serie A , primato ancora ineguagliato e mai superato.  Suo anche il record di gol segnati in una sola partita: il 28 Ottobre 1933 in un Pro Vercelli-Fiorentina 7-2 si permise il lusso di segnare sei reti.

Informazioni su labottegadelciabattino

Sono un curioso del XX secolo
Questa voce è stata pubblicata in Dal dopoguerra. Contrassegna il permalink.

Una risposta a Silvio Piola

  1. laulilla ha detto:

    Boniperti sembra uno scolaretto. Ora è un vecchio signore berlusconiano: che triste decadenza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...