Chiedi chi erano i Brutos

L’altra sera mi tornava alla memoria un aneddoto che mi raccontava spesso mio padre, quando come operatore cinematografico usufruiva dei servizi mutualistici dell’ENPALS; Ente Nazionale Previdenza e Assistenza Lavoratori dello Spettacolo, era la mutua di tutti i lavoratori dello spettacolo: cinema, teatro, spettacoli viaggianti, capitava allora (siamo ad inizio degli anni 60) che in via san Quintino a Torino, si facessero conoscenze curiose, come quella volta che in attesa di una visita specialistica, mio padre parlando con una signora si senti dire: “Mi sun la mare d’n Brutos” (io sono la mamma di un Brutos), ecco che allora ho pensato: “chiedi chi erano i Brutos”. Nati a Torino verso la fine degli anni 50, grazie al genio dell’impresario Aldo Zanfrogini che mise insieme una esilarante copia formata da Ettore Bruno (detto Gerry per la sua somiglianza con Jerry Lewis)e Giacomo Guerrini (detto Jack)con Elio Piatti, Gianni Zullo, e Aldo Maccione (famoso attore di film italiani e francesi negli anni 70 e 80) esordiscono al Teatro Maffei nel 1957, nel 1958 vanno in scena al Teatro Alcione vestiti con enormi pigiami a strisce, hanno l’idea di far cantare una canzone a Jack (il bello della compagnia) mentre loro fanno smorfie orribili e cori storpiando il testo originale della canzone, è il primo esempio di musica demenziale, negli anni verranno copiati in Spagna coi Los Tontos, in Francia con Le Charlots e poi in Italia con Elio e le Storie Tese, fù la donna delle pulizie del Teatro Alcione a dar loro il nome, vedendoli un mattino dopo una lunga nottata, disse loro: “Ai sève tant simpatic ma ai sève anche tant brutt” (siete tanto simpatici, ma siete anche tanto brutti). Iniziano le esibizioni fuori dal Piemonte, prima a Riccione, poi a Roma (villa Borghese), poi all’estero, a Parigi si esibiscono al Teatro Olympia, dove torneranno per altre sette volte, debuttano oltreoceano, accanto a Diana Dors, firmando due contratti per sei mesi negli Stati Uniti, saranno ospiti nel programma televisivo più popolare d’America, l’Ed Sullivan Show, a Città del Messico prima di un loro spettacolo deve intervenire la polizia per fermare gli spettatori che non trovando più biglietti volevano entrare ugualmente nel locale. Nel 1964 rientrati in Italia vengono chiamati per girare un carosello (rimasto famoso) per la cera Grey, gireranno alcuni film: I magnifici Brutos nel west, Carosello di notte e Paris ist eine reise wert con Fernandel, realizzato per la Tv Tedesca. Dopo la metà degli anni sessanta il gruppo comincerà a cambiare alcuni elementi della formazione che inizieranno carriere soliste, Jack Guerrini (il bello) muore in un incidente stradale nella notte del 16 marzo 1970 finendo con la sua macchina sotto un Tir parcheggiato a pochi metri da casa sua in via Giordano Bruno a Torino, Gianni Zullo muore il 17 maggio 2005, Gerry Bruno vive a Milano e lavora ancora nel mondo dello spettacolo mentre Aldo Maccione da molti anni risiede in Francia a Saint-Paul-de-Vence.

Informazioni su labottegadelciabattino

Sono un curioso del XX secolo
Questa voce è stata pubblicata in Cinema e Fotografia. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...